domenica, 21 Luglio 2024

Musica, Venditti e De Gregori incantano il pubblico di Chieti

Le tue storie in Regione

spot_img

Storie dalla Provincia

Serata di grande musica ieri presso l’anfiteatro La Civitella di Chieti che ha visto esibirsi ieri due dei più grandi artisti della musica d’autore italiana.

Antonello Venditti Francesco De Gregori hanno conquistato il pubblico nell’unica tappa abruzzese del loro tour che li sta vedendo protagonisti per la prima volta insieme da quest’estate nelle più suggestive location all’aperto d’Italia e che li vedrà continuare a suonare tra l’autunno e l’inverno prossimi nei teatri.

I due cantautori romani hanno sciorinato i maggiori successi dei loro rispettivi repertori musicali, prima in duetto e poi alternandosi sul palco. Ad aprire il concerto le note della celeberrima Leva calcistica della classe ’68 di De Gregori, passando poi per vari successi di entrambi gli artisti: da Generale Sara, passando per Alice, Rimmel, Bufalo Bill, La Storia Siamo Noi, Sotto il Segno dei Pesci, Notte Prima degli Esami, Giulio Cesare, Ci Vorrebbe un amico, e diverse canzoni più recenti di entrambi i cantanti. Toccante poi l’omaggio a Lucio Dalla che ha visto il duo romano reinterpretare la celebre Canzone del cantautore bolognese scomparso dieci anni fa.

Tanta musica, poche parole durante il concerto, anche se non è mancato qualche siparietto con De Gregori che, introducendo una canzone, ha ricordato il suo legame con l’Abruzzo avendo vissuto a Pescara fino ai dieci anni per via della professione del padre. Mentre l’amico Venditti ha salutato il pubblico chietino con un “frechete!”, tipica espressione dialettale abruzzese.

Quasi tre ore praticamente ininterrotte di musica con un bis di alcune canzoni tra le quali Ricordati di Me, Viva l’Italia e il gran finale inevitabile con Buonanotte Fiorellino, con la quale i due cantautori hanno salutato la gremita platea accorsa alla Civitella, naturalmente sold out per l’occasione. Notte di sogni, di arte e di canzoni in uno degli scenari più suggestivi della città teatina.

Storie dalla Regione