mercoledì, 17 Aprile 2024

Casa di comunità a Francavilla al Mare, Schael (Asl2): “Partiamo a febbraio”

Le tue storie in Regione

spot_img

Storie dalla Provincia

Consegna lavori entro febbraio per realizzare all’ex Istituto Padovano di Francavilla al Mare una grande casa di comunità: è la garanzia data dal direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Thomas Schael, alla sindaca, Luisa Russo, incontrata questa mattina alla presenza del direttore sanitario Asl, Flavia Pirola, dell’assessore regionale Daniele D’Amario, del responsabile del Distretto sanitario, Renato Lisio, e di altri dirigenti interessati dagli interventi che si andranno a realizzare.

Nel corso della riunione è stato assicurato il massimo impegno per conciliare in sicurezza l’attività del cantiere con la continuità del centro vaccinale tuttora ubicato all’ex Padovano, al fine di evitare alle famiglie il disagio di portare i bambini altrove.

Una volta ultimate le opere, l’assistenza territoriale in città sarà rimodulata prevedendo lo svolgimento dell’attività amministrativa nell’attuale distretto di località Alento, che ospiterà anche la sede del 118, mentre sarà tutta concentrata negli ampi spazi della nuova casa di comunità quella sanitaria e socio sanitaria.

“Sarà importante poter contare sulla disponibilità dei medici di medicina generale e pediatri per aderire all’unità complessa di cure primarie – ha tenuto a sottolineare Schael – che rappresenta una parte fondamentale della casa di comunità. Da parte nostra c’è il massimo impegno a concludere l’iter amministrativo con la validazione del progetto, che sarà consegnato a fine mese, e procedere alla consegna dei lavori intorno al 20 febbraio. L’opera che andiamo a realizzare farà compiere a Francavilla al Mare un notevole salto di qualità sul fronte dell’assistenza territoriale, pertanto se qualche disagio si dovrà sopportare per la durata dei lavori sarà per un obiettivo davvero importante. Quando si lavora per il meglio non ci sono disservizi, ma solo cambiamenti temporanei assolutamente tollerabili”.

Storie dalla Regione