domenica, 14 Luglio 2024

Tutti a teatro con i “Poi ve lo dico” in ” Fuori in 60 minuti”, a Moscufo

Le tue storie in Regione

spot_img

Storie dalla Provincia

I Poi ve lo dico in ” Fuori in 60 minuti” a Moscufo
Piazza Umberto I a Moscufo (Pe) si anima con il teatro ed il 30 luglio alle ore 21.30.
La Cultour Moscufo, con la sua attività di promozione culturale, inaugura la rassegna
estiva di quatto eventi de “I Colori del Borgo” progetto caro all’Associazione di area
vestina del presidente Domenico Ferri: gli eventi spazieranno dal teatro alla musica,
dalle arti circensi al ballo, divertimento sano e dedicato a diverse fasce d’età.
Si parte dunque con due giovani attori di teatro romano della scuola “Arts” diretta da
Enrico Brignano, i Poi ve lo dico, ossia Marco D’Angelo e Manuel Plini , con lo
spettacolo “Fuori in 60 minuti”, produzione Uao Spettacoli dell’artista abruzzese
Federico Perrotta.


E dunque: quante cose possono succedere in soli 60 minuti? E’ nella ” Sammer
Edishon” tutta da ridere di D’Angelo, Plini e Massimiliano Elia che si può trovare
la risposta.
In un mondo frenetico dove tutto va di corsa ’60 minuti’ è il nuovo tempo di
riferimento. In una sola ora si possono capovolgere le sorti del mondo.
In un’ora ci si può innamorare, fidanzare e, perché no? ci si può anche lasciare. ’60
minuti’ è il tempo perfetto per una puntata di una qualsiasi serie tv; è proprio il tempo
che avranno a disposizione i Poi ve lo dico per lanciarsi in questa nuova avventura.
Ma saranno abbastanza per raccontarsi in pieno nonostante i personaggi, le situazioni
assurde e i vari disturbatori che si susseguiranno sulla scena? Orologio alla mano,
non resta che scoprirlo.
E proprio con uno scambio di battute i Poi ve lo dico fanno riferimento al loro
spettacolo.


Manuel Plini: “Fuori in sessanta minuti è un viaggio tra le generazioni, tra i boomer e
i zeta. In mezzo ci siamo noi, i millenial, la generazione ponte. Quelli che dovrebbero
guidare la transizione da ieri a domani”.
Marco D’Angelo: “Solo che non ci va. Siamo una generazione ponte, si. Ma come
quello sullo Stretto … quello che non si è mai fatto. Siamo una generazione di pigri.
Pigri e nostalgici”.
Manuel Plini: “Per cui invece di fare lo spettacolo del risveglio della coscienza
abbiamo deciso di fare uno spettacolo in linea coi tempi di Netflix in 60 minuti”.
Marco D’Angelo: “Salvo recupero”.
Ingresso libero con posti a sedere.

Storie dalla Regione