sabato, 24 Febbraio 2024

Sanità, PNRR: firmato il contratto Regione-Ministero, investimenti per 213 milioni

Le tue storie in Regione

spot_img

Storie dalla Provincia

Via libera, da parte del Ministero della Salute, al Contratto istituzionale di sviluppo (Cis) con la Regione Abruzzo che recepisce il piano operativo per l’attuazione delle misure della Missione 6 Salute del PNRR.

Lo sottolinea l’assessore alla Salute, Nicoletta Verì, dopo la comunicazione ricevuta dall’Unità di missione per l’attuazione degli interventi del Pnrr dello stesso Ministero e la sottoscrizione del Contratto da parte del Presidente della Regione, Marco Marsilio.

“L’Abruzzo – rimarca l’assessore – è una delle primissime Regioni italiane ad aver ricevuto la notifica della sottoscrizione del Cis, che di fatto ha certificato la correttezza formale e l’efficacia del nostro piano operativo, che porterà ad una vera rivoluzione del nostro sistema sanitario regionale, a partire da una nuova organizzazione dell’assistenza territoriale, fino all’innovazione tecnologica e alla digitalizzazione. Un mio personale ringraziamento va a tutto il personale del Dipartimento regionale, dell’Agenzia sanitaria e delle Asl che ha lavorato incessantemente per centrare questo obiettivo”.

Ammontano ad oltre 213 milioni di euro i fondi messi a disposizione dell’Abruzzo per la Missione 6 Salute del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) e dal Piano per gli investimenti complementari (Pnc). Le risorse sono state al centro di un’intensa attività di programmazione delle Asl regionali, incentrata su due linee di azione principali: reti di prossimità, strutture e telemedicina per l’assistenza sanitaria territoriale; innovazione, ricerca e digitalizzazione del Servizio sanitario nazionale. Circa 59 milioni sono destinati all’apertura delle Case della comunità, 26 milioni agli Ospedali di comunità, 4 milioni alle centrali operative territoriali, 31 milioni all’acquisto delle grandi apparecchiature, 54 milioni all’adeguamento antisismico e 38 milioni alla digitalizzazione.

Storie dalla Regione