domenica, 29 Gennaio 2023

Scoppito, FdI chiede l’intitolazione di uno spazio pubblico alla memoria di Norma Cossetto

spot_img
spot_img
spot_img

Storie dalla Provincia

Il Gruppo Consiliare di Fratelli d’Italia al Comune di Scoppito, in stretta sinergia con il Circolo “Amiternum” di Fratelli d’Italia per Scoppito e l’Alto Aterno e la sezione territoriale del Comitato “10 Febbraio”, ha inoltrato al Sindaco del centro amiternino una formale richiesta per intitolare uno spazio pubblico – via, piazza o giardino – alla memoria di Norma Cossetto, studentessa universitaria istriana torturata, violentata e gettata in una foiba dai partigiani del Maresciallo Tito, nella notte tra il 4 e il 5 ottobre 1943, a soli 22 anni. L’iniziativa è stata presa vista l’imminenza del Giorno del Ricordo, solennità civile nazionale istituita con l’apposita legge n. 92 del 30 marzo 2004 e da allora celebrata il 10 febbraio di ogni anno, con l’intento di “conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale”.

“Norma Cossetto è stata insignita della Medaglia d’Oro al Merito Civile il 9 dicembre 2005 dall’allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. La sua figura viene ricordata in tantissimi Comuni italiani indipendentemente dal colore politico delle locali amministrazioni. Tenendo conto che nel nostro Comune non esiste un luogo intitolato alla memoria di questa giovane martire, si è deciso di formulare tale richiesta.” ha dichiarato il consigliere Marco Mancini, Capogruppo di Fratelli d’Italia al Comune di Scoppito, che ha materialmente inoltrato la richiesta.

“La figura di Norma Cossetto non appartiene al passato ma è tristemente attuale in quanto incarna il sacrificio di tantissime donne che ancora oggi sono oggetto di violenza, discriminazione e sopraffazione. Per tale motivo confidiamo in una risposta positiva, da parte del Sindaco di Scoppito e degli altri Consiglieri, che sia il più possibile corale e trasversale, com’è già accaduto in moltissimi Comuni italiani senza alcuna limitazione politica o superficialmente ideologica. Sarebbe questo un evidente atto di Civiltà.”, ha dichiarato Christian del Pinto, Presidente del Circolo “Amiternum” di Fratelli d’Italia per Scoppito e l’Alto Aterno.

La proposta è stata immediatamente condivisa anche da altri Consiglieri del Comune di Scoppito; tra questi Emiliano Renzetti del Gruppo Consiliare “Scoppito nel Cuore”, che ha immediatamente espresso il proprio apprezzamento all’iniziativa. 

spot_img

Storie dalla Regione