mercoledì, 22 Maggio 2024

Greenway del Fosso Seminario a Spoltore: via agli incontri con i proprietari

Le tue storie in Regione

spot_img

Storie dalla Provincia

Prende forma il progetto di una greenway lungo il Fosso del Seminario. “E’ un elemento centrale del nostro Biciplan” sottolinea il sindaco Chiara Trulli, che la scorsa settimana ha incontrato (assieme agli assessori Rino Di Girolamo, Nada Di Giandomenico, Stefano Burrani e ai consiglieri Lucio Matricciani, Angela Scurti, Marzia Damiani, Alberto Bartoli) i proprietari dei terreni attigui al fosso. “Dobbiamo implementare la mobilità dolce, ciclopedonale. Vogliamo creare una rete che colleghi tutta l’area metropolitana e unisca in particolare bike stop, punti ristoro, b&b: esiste un turismo che si muove solo in bicicletta ed è fondamentale catturare la sua attenzione”. Gli obiettivi in particolare sono la pista ciclabile Villa Raspa – Santa Teresa e il percorso di Fosso del Seminario: “lo studio per la ciclabile di Fosso del Seminario deve fare necessariamente sistema con il percorso tra Santa Teresa e Villa Raspa: in questo modo formerà un collegamento verso Pescara utilizzabile da tutte le nostre frazioni. Affinché sia possibile è fondamentale che si realizzi quanto previsto nel contratto di fiume: torno perciò a esortare la Regione affinché con il finanziamento dei contratti di fiume dia la priorità a questa infrastruttura di collegamento tra Pescara e il suo entroterra”.
 

“Nel primo tratto a monte” si legge nel Biciplan di Spoltore firmato da Alessandro Tursi “esiste già una strada bianca, via Perosina, che andrebbe riservata alla mobilità attiva e, anche in un secondo tempo, attrezzata con illuminazione e fondo in conglomerato drenate ecologico. La restante parte fino a valle è da realizzare ex novo, sempre sulla sinistra idrografica del fosso”. Fosso del Seminario si connette al fondovalle in un punto più vicino a Villa Raspa che a Santa Teresa: “ciò costituisce un ulteriore vantaggio, poiché rende più rapido il collegamento tra la città alta e il comune Pescara, dove sono situati i maggiori attrattori”. Assieme a una infrastruttura di ampio respiro, che avvicini Spoltore agli altri comuni dell’area metropolitana, il Biciplan prevede dunque una ciclabile comunale che collega tra loro i principali nuclei abitati (la città alta, Villa Raspa e Santa Teresa), e questi con il territorio comunale di Pescara (centro dell’area metropolitana).

Dove possibile, in connessione con la rete ciclabile del capoluogo adriatico: “l’itinerario Greenway del Seminario” spiega l’architetto Edgardo Cotellucci, incaricato del progetto di fattibilità tecnico-economica “ripristina un percorso anticamente utilizzato per raggiungere i campi, e più propriamente un sentiero di collegamento tra la collina e il lungofiume Pescara. La presenza di un corso d’acqua come Fosso del Seminario, in un contesto agricolo e naturalistico di rara bellezza, costituisce una grande opportunità per lo sviluppo di una rete con valenza ciclo-didattica, ciclo-turistica e pedonale. Conciliare l’aspetto della gestione delle acque dal punto di vista della tutela idro-geologica, con la tutela del paesaggio agricolo e ambientale, significa offrire anche una visione della forma antica del paesaggio italiano”. Cotellucci sottolinea il ruolo degli esperti nel gruppo di progetto: “le caratteristiche ambientali e naturalistiche di Fosso del Seminario hanno reso necessario un approfondimento del progetto per farne un modello di percorso, non solo da attraversare, ma capace di far apprezzare il patrimonio agricolo, vegetale e faunistico di cui è ricco. A questo hanno contribuito Alberto Ulisse (consulente scientifico per gli aspetti architettonici del progetto urbano e dell’architettura del paesaggio), Caterina Artese (consulente scientifico per gli aspetti vegetazionali e naturalistici), Fernando Spina (consulente scientifico per gli aspetti ornitologici) e Maria Jenie Rossi con l’Associazione “I Colori del Territorio” (consulenti per l’arte ambientale). Vogliamo offrire una nuova opportunità di fruizione del territorio ai cittadini, e un’esperienza naturalistica unica per l’area metropolitana”.

Storie dalla Regione