mercoledì, 7 Dicembre 2022

Alloggi ERP, il Comune di Chieti ha richiesto circa 2 milioni di euro

spot_img
spot_img

Storie dalla Provincia

“Dalla Regione arriveranno chiarimenti in merito alla mancata notifica di accettazione dei 2 progetti che il Comune di Chieti ha presentato lo scorso 1 dicembre sul fronte politiche della casa e dell’ammontare di circa 2 milione di euro di interventi”, così il sindaco Diego Ferrara e l’assessore alle Politiche della Casa, Enrico Raimondi.

“Abbiamo chiesto finanziamenti pari a circa 2 milioni di euro – specificano Ferrara e Raimondi – per la riqualificazione e recupero primario con miglioramento sismico ed efficientamento energetico degli alloggi Erp in via degli Ernici (importo richiesto 843.753,41) e via Maiella (importo richiesto pari a 1.065.628,74 euro). Agli uffici regionali chiederemo una rettifica ufficiale, anche se per le vie brevi, stamane, li abbiamo contattati e i funzionari ci hanno riferito che c’erano stati disguidi sulle registrazioni dei protocolli e che alcune domande erano sfuggite, fra cui le nostre. In attesa dei controlli e della eventuale determina di rettifica, vogliamo rassicurare la città del fatto che i finanziamenti sono stati chiesti e andremo fino in fondo per capire se ci spetteranno, perché sin dal primo giorno di governo ci siamo attivati per radunare tutte le risorse possibili al fine di restituire alla città la programmazione necessaria, specie in quei settori che sono rimasti per tanti anni senza interventi, le Politiche della casa sono uno di questi.

Tale priorità ci ha consentito di aggiudicarci già 1.800.000 euro che utilizzeremo per fare manutenzione straordinaria degli alloggi di via delle Robinie, via delle Acacie e via dei Platani, una vera svolta sia perché potremo fare manutenzioni da sempre mancate, sia perché vogliamo considerare finito il tempo in cui gli assegnatari dovevano farsi carico delle ristrutturazioni. Ma il Comune di Chieti in questo anno di governo dell’Amministrazione Ferrara ha presentato decine di progetti di finanziamento, in ambito sociale, urbanistico, culturale, sul fronte dei lavori pubblici, delle manutenzioni, del patrimonio comunale che ci hanno consentito di accumulare risorse pari già a oltre 35 milioni di euro in opere e servizi, che ci consentiranno di riqualificare e rigenerare buona parte della città, intervenendo in ambiti lasciati inerti per anni.

Ringraziamo quindi il consigliere Costa per la sua segnalazione, che ci consente inoltre di parlare delle richieste di finanziamento avanzate attraverso il bando citato, immaginando che avrà la stessa solerzia nel sollecitare, come noi abbiamo fatto, gli uffici regionali alla definizione delle procedure richieste dal Comune”.

Foto di repertorio Storie d’Abruzzo.

Storie dalla Regione