domenica, 4 Dicembre 2022

Teramo, la solidarietà condivisa, con il cartellone “Natale accanto a TE

spot_img
spot_img
spot_img

Storie dalla Provincia

Un percorso che dia un aspetto di unità e comune finalità, è quello prospettato dall’assessore Ilaria De Sanctis con l’iniziativa “Natale accanto a TE”.  Con essa si prevede che eventi quali convegni, presentazioni di libri, concerti che saranno organizzati dalle associazioni di solidarietà del territorio nel periodo che va fino al prossimo 6 gennaio, verranno unificati in un cartellone, che sarà reso pubblico e che costituirà il cammino unitario e condiviso per favorire la partecipazione attiva di tutti i cittadini, promuovendo opportunità di confronto e aggregazione.

Verrà implicitamente prospettata la costruzione di una rete fra le Associazioni, allo scopo di dare all’intero movimento locale della solidarietà, un profilo unitario e condiviso.

Sull’onda del calendario delle iniziative natalizie, aggregate con il titolo “Luci di Te”, l’amministrazione comunale promuove così un percorso per gli eventi di carattere sociale, al fine di accrescere la quantità e la qualità delle iniziative per il periodo natalizio, e ulteriormente favorire una atmosfera suggestiva per un Natale quanto più sereno e costruttivo.

Le Associazioni interessate potranno presentare la propria manifestazione di interesse, così come indicato nell’apposito  Avviso che sarà presto pubblicato anche nel sito ufficiale dell’ente. Quindi verranno ammessi i progetti, che saranno sostenuti mediante contributi o con la concessione a titolo gratuito di locali in disponibilità dell’Ente.

“Si tratta di una iniziativa – sostiene l’assessore Ilaria De Sanctis – che vogliamo intraprendere per connotare il Natale teramano anche in senso solidaristico, favorendo la riflessione e il confronto sulle tematiche che investono il settore. Ma è anche una opportunità che vogliamo cogliere per attivare una rete tra associazioni, che darà allo stesso intero movimento una più forte identità e una più marcata capacità di rappresentatività”.

Foto di repertorio Storie d’Abruzzo.

spot_img

Storie dalla Regione