mercoledì, 7 Dicembre 2022

Roseto degli Abruzzi, ecco il bando per il servizio civile 2021. Il sindaco: “Opportunità di crescita per 50 ragazzi”

spot_img
spot_img
spot_img

Storie dalla Provincia

Il Comune di Roseto degli Abruzzi ha presentato questa mattina il Bando Ordinario 2021 del Servizio Civile Universale che è stato pubblicato di recente. Sono in tutto 50 le posizioni aperte per operatori volontari di servizio civile universale che saranno impiegati presso i seguenti enti: Asd Tennis Club Roseto (3 posti); Associazione Culturale Girotondo ODV (2 posti); Circolo Tennis S. Lucia Asd (2 posti); Comune di Roseto degli Abruzzi (11 posti); Cooperativa Sociale “Lo spazio delle idee” s.c.s.a.r.l: (2 posti); “I Colori” Società Cooperativa Sociale a.r.l. (20 posti); Labor – Cooperativa Sociale A.R.L. (4 posti); Soc. Coop. Sociale 3M a.r.l. (4 posti); Associazione Dimensione Volontario (2 posti).

Dei 50 posti in concorso 48 sono connessi al programma di Intervento “Esclusione Zero: comunità intelligente ed inclusiva perché nessuno resti indietro” e ai 9 progetti di servizio civile universale annessi presentato dalla Cooperativa Sociale LABOR di Roseto degli Abruzzi e 2 posti al programma Reti al Servizio della Pace del CSV dell’Aquila.

Per partecipare alla selezione, come previsto dall’art. 14 del decreto legislativo 6 marzo 2017, n. 40, è richiesto al giovane il possesso dei seguenti requisiti: cittadinanza italiana, oppure di uno degli altri Stati membri dell’Unione Europea, oppure di un Paese extra Unione Europea purché il candidato sia regolarmente soggiornante in Italia; aver compiuto il diciottesimo anno di età e non aver superato il ventottesimo anno di età (28 anni e 364 giorni) alla data di presentazione della domanda; non aver riportato condanna, anche non definitiva, alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo oppure ad una pena, anche di entità inferiore, per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, oppure per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata.

La candidatura dei giovani avverrà esclusivamente in modalità on-line. Gli aspiranti operatori volontari devono presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domanda on Line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone all’indirizzohttps://domandaonline.serviziocivile.it. Per la compilazione della domanda è necessario essere in possesso dello SPID. Tutte le informazioni necessarie per la scelta del progetto e la compilazione della domanda è possibile reperirle dai siti istituzionaliwww.politichegiovanili.gov.it e www.scelgoilserviziocivile.gov.it e dai siti web di ciascun ente. Le domande di partecipazione devono essere presentate entro e non oltre le ore 14:00 del 26 gennaio 2021.

Il Servizio Civile è, prima di tutto, una splendida esperienza di vita che forma e fa crescere i ragazzi – sottolinea il primo cittadino di Roseto degli Abruzzi Mario Nugnes – siamo molto contenti che in 50 avranno questa opportunità formativa e non vediamo l’ora di accogliere gli 11 che saranno impiegati presso il nostro Comune. La parola “inclusione” fa parte da sempre del nostro vocabolario, includere vuol dire infatti inserire, rendere partecipi dei giovani che, ne siamo certi, si metteranno al servizio della nostra comunità e, in tale ottica, il fatto che il programma di Intervento si chiami appunto “Esclusione Zero” mi piace assai perché ritengo che questi progetti sia fondamentale includere chi altrimenti rischierebbe appunto di essere escluso. Infine voglio ringraziare l’Assessore Luciani e gli uffici che hanno lavorato ai progetti di servizio civile e, al contempo, annunciare che già siamo all’opera per studiare i futuri bandi”.

In questo momento storico in cui tanti giovani sono in difficoltà opportunità come queste sono fondamentali per dare una risposta in termini di crescita e di occupazione ai ragazzi” spiega l’Assessore al Sociale Francesco Luciani. “Come ha annunciato già il Sindaco siamo già al lavoro sui futuri bandi, convinti dell’importanza strategica di questi strumenti che ci consentono di dare importanti opportunità al nostro territorio che, da sempre, si è dimostrato attento e sensibile verso queste tematiche”.

Sono diversi anni che il Comune di Roseto degli Abruzzi lavora sul Servizio Civile con ottimi risultati tanto che i ragazzi, anche una volta terminato, restano legati e serbano uno splendido ricordo di questa esperienza” specifica il funzionario del Comune responsabile di questi bandi Lorena Marcelli. “Gli 11 ragazzi e ragazze impiegati in Municipio saranno dislocati 8 nei progetti scolastici, ovvero pre e dopo scuola e accompagnamento sui pulmini, e 3 nella Biblioteca Comunale dove si occuperanno di accoglienza e supporto ai dipendenti, permettendoci di ampliare gli orari di apertura e chiusura della struttura”. 

L’Amministrazione rosetana si conferma molto attenta al sociale e al Servizio Civile tanto che, dei 308 posti previsti dal bando in tutto l’Abruzzo, ben 50 finiranno sul territorio rosetano” sottolinea Fabio Petrone Responsabile di Labor – Cooperativa Sociale A.R.L. ente capofila del progetto. “Chiediamo di dare massimo risalto a questo progetto e, in tal senso, la nostra cooperativa, in sinergia con il Comune, ha deciso di aprire un Info-Point presso lo IAT che sarà attivo tutti i pomeriggi fino alla chiusura del bando per dare informazioni e guidare i ragazzi nella compilazione della domanda”.

Il Servizio Civile è una grande opportunità di formazione e crescita per i ragazzi tanto che, da una serie di studi fatti, si è scoperto che, a un anno dal termine di questa esperienza, il 30% dei ragazzi ha trovato un lavoro confacente alle proprie aspettative” spiega Walter Costantini, Coordinatore del Servizio Civile presso Labor – Cooperativa Sociale A.R.L.. “Per formare al meglio i ragazzi che saranno impiegati sul territorio rosetano svolgeremo un’apposita formazione affinché siano immediatamente pronti e preparati a svolgere la loro funzione”. I giovani impiegati nel Servizio Civile lavoreranno 25 ore settimanali per 5 giorni e riceveranno un rimborso pari a 444,3 euro.

spot_img

Storie dalla Regione