domenica, 27 Novembre 2022

Pescina, il sindaco Zauri annuncia diversi nuovi casi Covid. Al via lo screening gratuito

spot_img
spot_img
spot_img

Storie dalla Provincia

Il sindaco di Pescina, Mirko Zauri, ha parlato pubblicamente tramite il suo profilo social per avvisare i suoi concittadini di diverse news riguardo al pericolo-Covid:

Venerdì scorso mi è stato confermato il rientro alla negatività al Covid19 da parte di quello che doveva essere l’ultimo caso per poi tornare ad essere Covid free, ma purtroppo da allora c’è stata un evoluzione che sta prendendo una certa importanza giorno per giorno. I POSITIVI con residenza NEL COMUNE DI PESCINA SONO 18 di cui 18 domiciliati in Pescina. Purtroppo c’è stata un evoluzione di casi che in maniera quotidiana vengono confermati dai report Asl di coloro che sono stati convocati a fare il tampone molecolare.Premetto che tutti hanno il vaccino e ciò non deve creare nella maniera più assoluta preoccupazione. Questo evidenzia l’importanza di essere vaccinati. 18 casi non è un dato basso, soprattutto perché ci sono degli sviluppi a breve che faranno salire il numero dei positivi al Covid19. Il mio invito è quello di partecipare allo screening gratuito organizzato nel pomeriggio di oggi 21/12/2021 presso il campo sportivo A. Barbati e soprattutto invito ad iscriversi in piattaforma tutti coloro che ancora sono diffidenti nel sottoporsi a vaccinazione anticovid.A ciò che si vede oggi è l’unica e sicura soluzione, certo non è un obbligo ma sarà sicuramente segno di responsabilità e salvaguardia per la salute di sé stessi e di tutti. Sensibilizzo a mantenere la distanza minimo di un metro sia all’aperto che al chiuso, l’utilizzo delle mascherine anche se si sta all’aperto e di igienizzare le mani spesso.Responsabilmente firmerò un ordinanza con restrizioni preventive per evitare di poter essere travolti da una probabile quarta ondata.Chiedo responsabilità da parte di tutti.Chiedo a chi possa risultare positivo di non essere OMERTOSO, soprattutto nel non dichiarare chi possano essere i suoi contatti stretti, è così che arginiamo il diffondersi del virus“.

spot_img

Storie dalla Regione