domenica, 27 Novembre 2022

“Gershwin Suite”, il 13 dicembre al Teatro Massimo di Pescara le opere del compositore statunitense

spot_img
spot_img
spot_img

Storie dalla Provincia

Lunedì 13 dicembre 2021, il quartetto di Marco Guidolotti,
con la voce narrante di Gino Saladini, sarà sul
palcoscenico del Teatro Massimo di Pescara nella stagione
musicale della Società del Teatro e della Musica “Luigi
Barbara”
Lunedì 13 dicembre 2021, la stagione musicale della Società del Teatro e della Musica “Luigi Barbara” presenta “Gershwin Suite”, un progetto multimediale, con immagini e video, dedicato alla vita e alle musiche di George Gershwin. La vicenda artistica e personale del grande compositore statunitense sarà portata in scena dal quartetto guidato da Marco Guidolotti – formazione composta da Marco Guidolotti ai sassofoni e al clarinetto, Felice Tazzini al pianoforte, Francesco Pierotti al contrabbasso e Valerio Vantaggio alla batteria da e la voce narrante di Gino Saladini.
Il concerto si terrà al Teatro Massimo di Pescara, con inizio alle ore 21. Il prezzo del
biglietto di ingresso al concerto è di 20 euro.
“Gershwin Suite” si svolge nell’ambito del “Progetto Circolazione Musicale in
Italia” del CIDIM Comitato Nazionale Italiano Musica.
Una storia vera, quella di un artista che ha cambiato le sorti della musica
mondiale, un ponte di connessione tra la musica accademica ed il jazz. Un
racconto della sua vita, con aneddoti divertenti e a volte toccanti, per raccontare in
maniera intima ed entusiasmante un’esperienza che ha cambiato la storia della musica. La sua vita, scritta e raccontata da Gino Saladini, con immagini e video inediti della New York degli anni ‘20 e ‘30 che scorrono dietro al quartetto jazz guidato da Marco
Guidolotti.
George Gershwin è il musicista forse più rappresentativo del Novecento,
l’artista che ha saputo offrire una sintesi unica ed irripetibile fra le musiche di estrazione
popolare e quelle di tradizione più nobile, fondendole in una miscela di immenso fascino.
Un ritratto del genere non può che fare riferimento al nome di George Gershwin, il sublime
compositore celebre anche per i suoi complessi di inferiorità. Lui che utilizzava musiche
plebee come il jazz o la canzone, percepita come un incolmabile gap con la tradizione
europea, in una sorta di continua rincorsa all’accettazione della sua arte da parte dei “veri”
compositori. Adorando Maurice Ravel con tutta l’anima, si narra che un giorno
andò dal Maestro per chiedere lezioni ma si sentì rispondere: «Perché vuol
diventare un mediocre Ravel, quando è già un ottimo Gershwin?»
Venerdì 17 dicembre 2021, la prima parte del cartellone musicale della Società del
Teatro e della Musica “Luigi Barbara” si completa con la “Serata Fabbrini”: “Six Pianos
and Dancers” è il titolo del progetto speciale realizzato da Anouscka Brodacz e
Simona Ampolo Rella che porterà sul palcoscenico del Teatro Massimo sei pianoforti
e dieci danzatori.
La stagione artistica della Società del Teatro e della Musica “Luigi Barbara” è
accompagnata dal supporto del Main Partner Fondazione PescarAbruzzo e dell’Istituto
Acustico Maico.
Nella sezione “Press Area” del sito della Società del Teatro e della Musica “Luigi Barbara”
(socteatromusica.it/press-area-2021-2022) sono disponibili tutte le foto in alta risoluzione
degli artisti presenti nel cartellone.

FOTO: Società Teatro Musica.

spot_img

Storie dalla Regione