domenica, 21 Luglio 2024

Teramo Ambiente, approvato il bilancio di esercizio: “Numeri positivi nell’anno della transizione”

Le tue storie in Regione

spot_img

Storie dalla Provincia

Questa mattina l’Assemblea dei soci della Teramo Ambiente ha approvato, all’unanimità, il bilancio di esercizio 2021, che a fronte di ammortamenti e svalutazioni per complessivi 1.011.599 euro e imposte a carico per 64.890 euro, vede un utile di esercizio di 90.793 euro. Il documento certifica inoltre come il valore della produzione sia rimasto sostanzialmente invariato rispetto all’esercizio precedente, attestandosi a 13.500.000 euro, e come siano stati fatti diversi investimenti che hanno interessato, tra le altre cose, le migliorie nei cimiteri, le attrezzature, il cantiere operativo di Carapollo.

“Il bilancio certifica numeri positivi nell’anno della transizione, che ha visto tre diversi Cda e che ha segnato un cambio di passo nella gestione della società – sottolinea il sindaco Gianguido D’Alberto – un ringraziamento particolare va al consiglio presieduto da Ivan Di Cesare, che ha traghettato la Teramo Ambiente nel periodo della trasformazione da partecipata a società in house. Adesso pensiamo al futuro, proseguendo sulla strada della valorizzazione della Team, destinata a diventare punto di riferimento di tutta la provincia”.

In bilancio, tra le entrate, sono stati iscritti anche circa 1.600.000 euro relativi all’Iva applicata sulla Tia per gli anni 2007-2008. Iva che era stata applicata a fronte di una presa di posizione dell’Agenzia delle Entrate, che riteneva imponibile la tariffa, e che a fronte di un diverso orientamento giurisprudenziale che si stava formando ha visto la società presentare tre distinti ricorsi per gli anni 2007, 2008 e 2009.

“Si tratta di una battaglia che ho sostenuto fin da quando ero consigliere di minoranza – commenta il primo cittadino – e che oggi ci sta dando ragione. Il primo ricorso, relativo al 2007, è stato accolto sia in commissione tributaria provinciale che regionale ed è in attesa della sentenza di Cassazione. Per il secondo, relativo al 2008, che è stato sempre accolto, ancora non sono scaduti i termini per il ricorso in Cassazione. Il terzo, infine, è all’esame della commissione tributaria provinciale. Per quanto riguarda i primi due ricorsi a dicembre 2021 l’Agenzia delle Entrate ha erogato alla Team, sulla scorta delle diverse sentenze, circa 1.600.000 euro, che la società ha “congelato”, a fronte del principio di prudenza, in attesa della Cassazione”.

Si tratta di somme che, come aggiunge ancora il primo cittadino, “una volta riconosciute definitivamente, verranno restituite ai cittadini, che hanno pagato ingiustamente, come abbiamo sempre sostenuto, un’imposta che non andava applicata”.

Soddisfazione viene espressa dal Presidente della Teramo Ambiente Sergio Saccomandi.

“È il primo bilancio che approviamo della Teramo in house – sottolinea – e rappresenta la fotografia di un periodo particolare, nel quale si sono succeduti tre diversi consigli di amministrazione. Nel ringraziare chi mi ha preceduto per il lavoro svolto, ritengo di dover sottolineare come gli indici di bilancio rappresentino una buona solidità e come la situazione patrimoniale ed economica dell’azienda ci permetta di porre le basi per un’attività di successo”.

Storie dalla Regione